Cerca nel blog

lunedì 1 aprile 2019

Recensione: Non Toccarmi (Blood Bonds #7) di Chiara Cilli


Clicca sule copertine dei libri per accedere alle recensioni dei libri precedenti:


  


       



       Ed eccoci arrivati alla trilogia del temuto Armand, dell'acqua cheta che è sempre meglio lasciar perdere.
    Il protagonista della trilogia dedicata a lui, sin dall'inizio appare stanco e provato da tutto ciò che è accaduto sino ad ora, prima dalla macchinazione del Re Aleksej che voleva far uccidere suo fratello Henri per demolirlo, per vederlo in ginocchio ai suoi piedi, privato del potere che la sua casata ha acquisito negli anni, perché teme che un giorno potrebbe usurpargli il trono e diventare Re di Véres, ed il risultato è stato che suo fratello è diventato la spettro di ciò che era e dopo... beh sappiamo tutti cosa è successo dopo, Neela (mi viene il voltastomaco solo a nominarla) che per mano della sua Campionessa fa uccidere André

Lo avevamo lasciato così...


     Che dire... la mancanza di Andrè si avverte come se fosse una presenza reale e tangibile dalla prima all'ultima pagina, a mio parere questo libro è intriso di tristezza e da un vuoto incolmabile che si avverte e urla.

    Henri, il mio cuore sanguina per lui, ha perso TUTTO, la donna che ama e che gli ha cambiato la vita, il centro del suo mondo, ed a questo si aggiunge la perdita della sua metà, l'unico filo che lo teneva appeso a questa già di per se inutile vita, suo fratello... nulla per lui ha più senso, e se non fosse per la promessa di proteggere Nadyia e il loro bambino, fatta sul punto di morte ad André, si sarebbe già arreso. E' ormai un sacco vuoto con un unico ed ultimo obiettivo, annientare Neela.

   Nadyia, una donna con una forza d'animo ed un carettere incredibilmente forte, continua a dimostrarsi una combattente, ed anche ora che tutto è perduto e sepolto sotto quella pietra, non si arrende e lotta con tutte le sue forze, vuole vendetta, per lei, per suo figlio, per il loro amore scomparso per sempre.


Nadyia Volkov era una montagna che non si inchinava dinnanzi alla potenza devastante della bufera. Era forte, più forte di me e Henri, ma non si vergognava ad ammette di non potercela fare da sola. Era una luce da seguire nell'oscurità. Fino alla libertà.

     In questo scenario troviamo un Armand completamente solo e gli fanno compagnia solamente il suo senso di sconfitta, il dolore atroce ed i sensi di colpa che lo perseguitano. Si affanna nella ricerca spasmodica di sicari per formare un esercito con l'unico obiettivo di annientare Neela. L'unica presenza a suo fianco questa figura funesta e raccapricciante, alla quale ancora non possiamo dare una nome.

    Ed è qui che scende in campo la Regina, lei conosce costei, sa chi è e su questo fonda il piano per la distruzione di Armand e con la crudeltà che la contraddistingue prepara il colpo di grazia per la casata Lamaze, perché la sua fame di sangue e potere è implacabile e non si sentirà sazia sino a quando non vedrà  rotolare la testa Armand ai suoi piedi, vuole strappargli il cuore dal petto ed affida la sua missione alla sua Campionessa, a colei che ha ucciso Andrè... A... Ekaterina

    Aleksej nonostante i suoi trascorsi con Henri e la perdita di gran parte del suo esercito per mano dei Lamaze e della Regina, propone un'alleanza ad Armand per tentare di sconfiggere Neela una volta per tutte.

    È stata lei che ha premuto il grilletto ed ha messo fine alla vita di Andrè, del suo maestro, del suo unico amico. Un sicario addestrato ad uccidere ma che ora ha una missione ben diversa, servire il cuore di Armand Lamaze alla sua Signora, e come può farlo? Facendo sì che lui si innamori di lei per poi annientarlo dentro e fuori.



   Ekaterina fa il suo ingresso nella vita di Armand ed è subito un colpo al cuore, per lui viste le sembianze che ha dovuto assumere Ekaterina per 'colpirlo' ma anche per lei che resta a dir poco spiazzata visto il modo in cui la fa sentire, per le emozioni che credeva fossero perse per sempre, come se fosse un'altra persona, quasi umana...

    In questo groviglio di storie, di personaggi, di emozioni, rabbia e tristezza si delineano sempre più le fila di quella che sarà la guerra che eleggerà la casata vincitrice di Véres. 



     Questo primo capitolo della trilogia di Armand ci lascia in bilico con un sacco di domande. Armand si fiderà del re? Riuscirà a vedere il bluff di Ekaterina? Riusciremo finalmente a scoprire chi è la presenza oscura che aleggia al suo fianco? 
Ad un interrogativo però abbiamo avuto risposta, il suo segreto. Quello lo abbiamo scoperto... 

1 commento:

  1. Grazie di cuore per questa bellissima recensione, Annarita! ♥

    RispondiElimina